Glossario della logistica

Cabotaggio

Cos'è il cabotaggio?

Il termine cabotaggio indica il trasporto di merci o passeggeri tra due luoghi all'interno dello stesso paese da parte di un operatore registrato in un altro paese. In origine, era un termine specifico usato per il trasporto di merci via mare, ma la definizione di cabotaggio è stata ampliata per indicare il trasporto di merci e passeggeri per via aerea, per ferrovia e su strada.

Si può anche aggiungere che nella maggioranza dei paesi, i servizi di trasporto devono essere forniti esclusivamente da operatori nazionali.

Quali sono le leggi sul cabotaggio?

Attualmente, la maggior parte delle leggi sul cabotaggio riguarda i voli aerei più che il trasporto marittimodi container. Gli aeromobili provenienti da un paese non sono autorizzati a entrare in un altro, caricare passeggeri e trasportarli all'interno di quest'ultimo. In genere, le restrizioni si applicano solo al trasporto di merci o passeggeri a pagamento, ma in alcuni casi anche laddove il pagamento non è previsto.

Praticamente, quasi nessun paese autorizza il cabotaggio aereo. Per motivi economici, di sicurezza e di sicurezza pubblica, preferiscono che le compagnie nazionali svolgano le attività e ne godano i profitti. Tuttavia, in Europa, tutti i paesi membri dell'Unione Europea sono autorizzati a muoversi e a commerciare liberamente all'interno de reciproci confini territoriali.

Soccorsi in caso di catastrofe

Negli Stati Uniti un vettore straniero è autorizzato a trasportare passeggeri da un punto all'altro del paese qualora l'attività sia di pubblico interesse. Pertanto, nell'eventualità che si verifichi una situazione di emergenza al di fuori delle normali condizioni in cui di solito si svolge l'attività. Anche in questo caso, le normali leggi sul cabotaggio possono essere sospese se non esiste una ragionevole alternativa e se impedendo il trasporto si creasse inutilmente una situazione avversa.

Perché il cabotaggio è importante?

Oltre il trasporto delle merci, alcune leggi sul cabotaggio (fuori dagli Stati Uniti) riguardano le prassi fiscali, di investimento, doganali o di immigrazione. Le leggi che un paese decide di istituire possono essere finalizzate a salvaguardare la sicurezza nazionale, tutelare l’ambiente, creare posti di lavoro o semplificare il possesso di navi. Tra gli stati membri delle Nazioni Unite l’80% di quelli con grandi porti hanno leggi sul cabotaggio.

L'obiettivo delle leggi sul cabotaggio è la riduzione della concorrenza per la produzione nazionale, il regolare approvvigionamento delle risorse essenziali durante i conflitti, il rafforzamento della capacità nazionale e la creazione di posti di lavoro. Purtroppo, queste leggi non ottengono sempre l'effetto desiderato.

Soprattutto nei paesi in via di sviluppo, le leggi sul cabotaggio sono applicate molto liberamente. In Nigeria, ad esempio, le leggi sul cabotaggio sono in vigore dal 2003, ma fino al 2017 il paese si è sempre affidato a delle deroghe sul cabotaggio per lasciare entrare le imbarcazioni anche quando non soddisfacevano i requisiti legali.

Tuttavia, il problema non sono le norme sul cabotaggio in sé quanto l’implementazione delle stesse.

In definitiva, mettere in atto le norme sul cabotaggio è nell’interesse di ogni paese, perché sono intese a massimizzare il valore dell’industria navale e a distribuire i profitti laddove sono più necessari.

La corretta implementazione delle norme sul cabotaggio è un vantaggio per tutti.